Il container…. dove lo metto?

pianostrategico_cuneo-logo.pngTra le opere di cui si parla in questo momento c’è la “Piattaforma Logistica”, opera dalla collocazione ancora non chiara ma che vedrà il suo destino decidersi in questi giorni. Dopo un lungo discutere (se ne parla da 10 anni) pare il momento di una svolta. Si è tenuto il 23 Aprile in Provincia un incontro per definire quel che non è ancora chiaro : se c’è reale esigenza e volontà di realizzare quest’opera. Insomma, se serve e a chi serve, per poter poi definire quanto costa e chi paga.

Facciamo un passo indietro e un breve riepilogo di quanto è stato detto, pensato, scritto fin’ora:

Gennaio 2005 : Nel Piano Strategico di Cuneo, nell’Asse “Infrastrutture e Trasporti” fase 5 , alla parola chiave Infrastrutture viene indicata l’esigenza di un polo logistico integrato il cui progetto è:

“la costituzione di un area di movimentazione, stoccaggio e trattamento intermodale delle merci. L’area prevista dovrebbe variare dai 100 ai 200 ettari ( e perchè non 50 o 400 ? non si sa bene da dove arrivino questi numeri, ndA) in base al volume delle merci trattate “

Nel Progetto sono indicate 4 possibili aree destinate a ospitare questo polo :

  • Fossano – Madonna dei Campi
  • Trinità – S.Albano Stura
  • Carrù – Massimini – Beinale
  • Levaldigi

Più in dettaglio nell’Asse Strategico “Infrastrutture e Trasporti” viene individuato come prioritario l’obiettivo (da raggiungere entro il 2020 ) di : “[…] realizzazione di poli logistici sapientemente dislocati in chiave di intermodalità, di coprogettare – e non semplicemente subire – i crescenti flussi di merci generati dall’internazionalizzazione dei mercati, governando le molteplici ricadute della nuova accessibilità anche autostradale del territorio e contenendone, con accorti interventi, l’impatto ambientale.”

Tra i progetti quindi viene indicato quello di creare una “REGIONE LOGISTICA NORD OVEST” di cui fa parte lo SPILP: Sistema Portuale Integrato Ligure Piemontese.

Stando ai tempi indicati dovremmo essere già nella fase 9, ma forse i tempi non sono ancora maturi…. Basta lasciar passare un po’ di tempo, e nell’ultimo periodo ci sono stati parecchi sviluppi che hanno portato quest’opera sempre più verso Fossano.

Marzo 2007
Il direttore del Compartimento Movimento della Rete Ferroviaria Italiana (RFI) di Torino, Lorenzo Livrieri :“Ho avuto modo di prendere visione della bozza di lavoro predisposta dalla Provincia di Cuneo “Polo logistico Alpi del Mare – Analisi di un sistema policentrico integrato” nel quale ho potuto apprezzare il grado di approfondimento e di dettaglio delle tematiche analizzate, nonché la chiarezza espositiva. (….) Tra le varie ipotesi elaborate quella che consentirebbe una immediata “accessibilità ferroviaria”, per la sua naturale dislocazione, è quella collocata nell’area fossanese”.

Riguardo alle altre soluzioni viene detto:

“Analoghe considerazioni possono essere formulate nell’ipotesi Levaldigi, la cui collocazione, decentrata rispetto alla rete esistente, non consente di prevedere un ritorno economico dell’investimento che sarebbe necessario per raccordarla”

Analoghi commenti per le soluzioni nella zona del Monregalese che di fatto sono scartate.

Aprile 2007
Sono notizie recenti le prese di posizione di Coldiretti e del Sindaco di Fossano Francesco Balocco.
La Coldiretti si chiede :“A chi serve a quasi dieci anni dalla prima presentazione la piattaforma logistica di Fossano?”. Viene sollevato il dubbio che nessuno dei futuri soggetti utilizzatori della piattaforma ne abbia ad oggi la effettiva necessità, e viene chiesto di sottoscrivere un impegno se questa sia una reale esigenza : “pur non dichiarando la loro contrarietà (la Coldiretti, ndA) chiedono che i possibili utilizzatori firmino un impegno scritto per una partecipazione economica e per il futuro utilizzo”.
(fonte : La Stampa 13 Aprile 2007)
Il sindaco di Fossano, dopo aver dimostrato interesse per far espandere verso noi l’hinterland di Torino , “a cui siamo legati da una ricca tessitura di collegamenti stradali e ferroviari” (come da noi segnalato), ha frenato , cercando di mettere dei paletti sulla Piattaforma Logistica:

“Prendo atto dell’interesse manifestato da Rfi, che rafforza la convinzione ormai diffusa secondo la quale il nodo dello sviluppo della logistica in provincia di Cuneo non può che essere Fossano. Resta ora da capire che cosa significa, in concreto, un polo logistico sul nostro territorio: quali sono gli interlocutori con cui confrontarsi, quale l’impatto, quali le ricadute occupazionali, dirette e indirette, quali le potenzialità per lo sviluppo delle attività produttive già esistenti e quale la forza di attrazione per l’insediamento di nuove. L’Amministrazione valuterà le risposte che le verranno fornite prestando la massima attenzione ai possibili benefici e alla salvaguardia del territorio, impegnandosi a compiere le sue scelte in un confronto aperto con le forze economiche e con la società civile presenti sul territorio. Il tutto all’interno di un quadro normativo che attribuisce al Comune l’ultima parola attraverso il rilascio (o meno) delle necessarie autorizzazioni urbanistiche”.
(fonte :Fossano,Balocco: “Piattaforma Logistica? Valutare bene” TargatoCN 16 Aprile 2007)

Con questi buoni propositi ci aspettiamo che venga presentato finalmente un progetto concreto di realizzazione di questo polo di scambio merci per capire

  • Dove sarà dislocato
  • Quanti metri/kilometri quadri o ettari occuperà
  • Quale volume di scambio merci gestirà
  • Quali saranno le opportunità lavorative offerte
  • Come sarà collegato alle infrastrutture esistenti

ipotesi_pl_fossano.png

Alcune ipotesi di posizionamento (fonte Google Maps)

[ilq]

Annunci

Una risposta a “Il container…. dove lo metto?

  1. Altro appuntamento su PL ed infrastrutture in generale:
    28 Aprile: “Autostrade di terra e di mare” promosso dall’ associazione Insieme. In sintesi: “Autostrade, trafori, aeroporto, piattaforma logistica. Che cosa serve alla provincia di Cuneo?” Ancora: “[…] manca una strategia complessiva condivisa, che porti alla realizzazione di quell’intermodalità di cui spesso si discute in termini per lo più accademici.”
    Davvero? Bene, bravi, bis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...