Sarà come sarà

E’ uno degli argomenti caldi del momento, se fossimo in estate potremmo dire addirittura “bollente” visto il materiale oggetto di discussione : il ferro di Piazza Celebrini.

L’argomento ha ricevuto attenzione sia sui quotidiani locali che Provinciali. A proposito di questo vediamo i commenti del Comune prendendo spunto da un intervista dell’assessore Paglialonga pubblicata su La Fedeltà, [1], che risponde così alla domanda riguardo le critiche al progetto:

Insieme alle lamentele abbiamo ricevuto anche giudizi positivi, di persone qualificate che nulla avevano da perdere o da guadagnare nel dare una valutazione anziché un’altra.

….. e ci mancherebbe anche che si vantasse di avere giudizi di parte…..

Premesso questo, accetto tutte le critiche. Mi si permetta però di dire che questo progetto non è frutto di improvvisazione, ma è stato soppesato a lungo da professionisti referenziati che hanno già lavorato in altre città e progettato altre piazze. Il lavoro che stanno facendo con coraggio e coerenza merita di essere portato a termine e di essere valutato quando sarà concluso, senza prevenzioni di sorta: quelle che ovunque e in tutti i tempi hanno sempre accompagnato chiunque si mettesse in gioco uscendo dall’ordinario.

Non è vero che non ci sia nulla da guadagnare nel fare osservazioni critiche ai lavori in corso; avere una città più bella mi sembra un ottimo guadagno ed è per questo che stiamo scrivendo. Comunque un conto è non criticare in maniera costruttiva solo perchè si è bastian contrari, un conto è nascondersi dietro la tesi difensiva del “nuovo che avanza” (e del “è arte, voi non potete capire”)

Come ironicamente commentato dal giornalista:
“Un giorno forse i nostri figli (o i figli dei nostri figli) guarderanno a quella piazza come ad un monumento affascinante. Come si guarda a Stonehenge, senza capire a cosa sia servito … ma comunque con artistica devozione.”

Continuando nell’intervista :
“Si è sempre detto che piazza Vittorio Veneto sarebbe stata allestita in continuità con il viale Mellano; dove sta la continuità?

La continuità è nella pavimentazione in asfalto lavorato e “pallinato”, nelle panchine di legno, nelle piante che verranno collocate all’interno delle fioriere: tutti interventi che devono ancora essere eseguiti, ma che erano previsti sin dall’inizio.
Non ci resta che aspettare per vedere come questa continuità migliori l’attuale desolazione della piazza.

“Molti cittadini ritengono che, oltre ad avere un brutto impatto, le fioriere sono pericolose per via degli spigoli, tanto più che sulla piazza c’è una scuola materna e la piazza è attraversata da tanti bambini diretti al viale.

Ho già segnalato questo aspetto ai tecnici che hanno progettato le fioriere.

Oltre ai possibili problemi degli spigoli delle fioriere rimane il dubbio di come si possa portare il verde su questa piazza (che non può rimanere senza ombra per essere piacevole) usando questo tipo di contenitori che non sembrano adatti a favorire la vegetazione bensi a cuocerla.

Alla fine di tutto rimane la convinzione che come per altre opere e scelte fatte in questi anni ci si tiri le critiche addosso anche solo per mancanza di comunicazione. Un progetto che ha come obiettivo quello di rifare il look a una zona già molto discussa credo potesse essere meglio presentato esponendo immagini, modelli o disegni dell’aspetto finale cosi che tutti possano rendersi conto dell’obiettivo dei lavori. Un po’ in tutti i cantieri che cambiano il volto alle nostre città si sprecano sul luogo dei lavori ricostruzioni e disegni tridimensionali del nuovo aspetto che è in divenire, e questo potrebbe da solo fermare o comunque diminuire le molte critiche.
Tanto per rimanere in Fossano basta andare alla Stazione (citata anche da Paglialonga nell’intervista) per vedere un bel cartello con il progetto del costruendo Movicentro con gli edifici che sono in via di ultimazione accanto al vecchio edificio delle ferrovie. Qui ci si rende immediatamente conto di come il progetto sarà…….. bastano 5 minuti per capire la bruttezza del nuovo edificio….

[ilq – ip]

Informazioni tratte da:
[1] “L'arredo di Piazza Vittorio? "Un progetto coraggioso"“,
La Fedeltà, numero 5 anno 111, 6 Febbraio 2008

Annunci

50 risposte a “Sarà come sarà

  1. Un anticipazione dalla Fedeltà di domani: pare che giri una mail che propone una manifestazione di protesta proprio contro la “ruggine”!!!

  2. Non bisogna accettare che si degradi la città con opere brutte. Ci vorrebbe un pò più di buon gusto nelle scelte urbanistiche e di progettazione architettonica che vanno ad impattare sulla nostar bella cittadina.
    L’altro giorno ho visto una vecchia fotografia della piazzetta duomo ora piazzetta manfredi, con la sua bella fontana e mi son chiesta perchè non ripensare a piazza celebrini, a piazza manfredi e alla sostituzione del monumento ai caduti ripercorrendo le opere che una volta ornavano il nostro centro cittadino? Com’èra bella la scalinata del bastione che svolgeva oltrettuto una perfetta funzione di quinta scenografica di via roma…

  3. Io non sono del tutto convinto che riportare alcuni luoghi alla bellezza del passato vada sempre bene. Certo guardando molte foto d’epoca dispiace un po per alcune piazze o monumenti che sembravano più belli di ora però l’arredo urbano è normale che subisca modifiche anche funzionali. Quel che fa rabbia è che in molti posti si sono fatte modifiche in chiave “moderna” senza stridere con il contesto dei lavori. Questo per dire che ben vengano i cambiamenti ma non si può trovare solo la scusa che la modernità è sempre criticata.Forse alla fine chi ha progettato la piazza avrà poi ragione vedendo il risultato; la ragione e il cuore al momento faticano a vedere i maltrattamenti che la piazza ha subito e sta subendo.

  4. Tanto per continuare il discorso della stazione, adesso che l’edificio in costruzione ha una fisionomia pressochè definitiva, qualcuno mi spieghi come non si possa definire orrendo vedere affiancata la vecchia stazione con il tetto normale in tegole e il nuovo edificio con il tetto a botte (gli architetti mi perdonino se è errato) in lamiera…..

  5. Beh, molto é stato detto su questo”muro del pianto”, ma se ne avessimo potuto parlare prima forse sarebbe stato piu utile o quantomeno piu corretto.
    Innanzitutto, sarebbe logico e giusto che come per tutte le opere d’arte venga affisso il nome della”artista” che lo ha concepito.
    In secondo luogo, dovrebbe anche essere affissa una breve spiegazione del suo senso aristico unitamente al nome delle persone che ne hanno voluto e finanziata la creazione .
    Questo per dare eventuali referenze a chi fosse interessato ad una rivalorizzazione zone urbane, a loro giudicare questi illuminati d’architettura moderna.
    Terzo ma non ultimo, affiggere alcune immagini di come si sarebbe potuta valorizzare questa piazza, semplicemente con aiuole e o roccaglie ,
    pergole fiorite per ombreggiare delle panchine e zone di riposo.Tecnicamente fattibile persino su superfici quali la piazza questione, con tutte le garanzie di isolazione idrica del caso. Ed una “artista futurista “come la nostra lo sa bene che gia da diversi anni si fanno giardini su “dalla”completamente stagni…ma questo é passato…vecchio…!!
    Ci conforta il fatto che diversi architetti, impegnati in opere molto piu futuristiche che questo muro del pianto, siano d’accordo sul fatto che questo progetto rappresenti un mero esercizio di stile fuori luogo ed fuori tema per un arredo urbano quale la zona in riferimento.
    c’é da piangere…o c’é da vergognarsi?
    ciao, gips

  6. Ne approfitto di questo spazio per invitare tutti a tenere gli occhi aperti sul futuro di quel che resta del nostro ospedale. Sembra che ad aprile il reparto di chirurgia verrà chiuso definitivamente.
    Si aprirà forse il day surgery, anche se non sò quanto durerà. Ormai il nostro ospedale è morto, sarà solo più un cronicario.

  7. Concordo pienamente con il post di (ilq),
    aggiungo…
    miei cari fossanesi smettettela di chiamare quella piazza con quel nomignolo bigotto.
    Quel materiale ha un nome, una storia e delle caratteristiche… si chiama COR-TEN!
    su questo link troverete maggiori informazioni:
    http://www.siderservizi.com/corten.htm

    DOPODICHE, BASTA, NON SI PUò PENSARE SEMPRE CHE LE COSE SIANO BRUTTE PERCHè IL LUOGO COMUNE FOSSANESE VORREBBE PARCHEGGI E GERANI!!!!!!!!

    PER RIFARE UN LOOK AD UNA CITTà BISOGNA SAPERE OSARE, PENSATE AL GUGGENHEIM BILBAO.. ha saputo trasformare il volto di una città..

    concludo.. gips sarebbe veramente di basso livello aprezzare un opera perchè opera di un qualcuno con un nome famoso…

  8. Caro 3Danny, la palizzata in corten è brutta. Potranno anche ultimare i lavori e quant’altro ma la palizzata rimane e l’impatto visivo è pessimo. Nessuno è contro interventi in chiave moderna l’importante è che siano almeno un pò belli. Non bisogna accettare il brutto o giustificarlo. Inoltre perchè non si sono tenuti conto degli spunti offerti dal concorso di idee?

    E poi magari a te quest’opera piace veramente come al vicesindaco e ai progettisti. In fin dei conti non c’è niente di male ognuno ha il suoi gusti e il suo senso del bello.

  9. Caro 3danny, Fossano non è Bilbao, il progetto è in pieno un “luogo comune”: piazza con asfalto e parcheggio, fioriere, e quel tocco di modernità provincialotta da far vedere che siamo al passo coi tempi quando in realtà quello che si fa è solo banale. Poi Fossano non ha un look da rifare, ma uno da RISPETTARE. Che è una bella differenza!

  10. ciao 3danny, non ho capito a quale materiale ti riferisci per il COR-TEN. Se è quello del tetto del nuovo edificio del Movicentro rimango della mia idea che sia brutto. Quel materiale sarà sicuramente valido e molto più adatto di altri a svolgere il suo compito perchè ha molte buone caratteristiche, ma cosi come in centro storico ci sono dei vincoli su colore delle case e materiale dei tetti, cosi penso dovrebbe essere anche per quell’edificio attaccato alla stazione.
    Riguardo piazza Celebrini invece (è questo il nome bigotto?) finalmente si sentono voci pro e voci contro che cercano di discutere sull’opera prima che sia finita. Questo credo sia una buona cosa, qualunque sarà poi il risultato finale. Continuo però sulla mia tesi dicendo che giustificare tutto con la tesi del “moderno che avanza” non mi trova in questo caso del tutto d’accordo. se non si faranno aggiustamenti al risultato attuale quella piazza per me rimarrà brutta.

  11. A rettifica del mio post precedente, ho scoperto leggendo qui :
    http://www.comune.fossano.cn.it/Dinamica2.aspx?Codice=cffb2fcb-ffa0-4b9d-a662-cb753bb7513f
    che il bando per i lavori della piazza prevede anche “rivestimenti con acciaio cor.ten. ” (che presumo sarà quello di fioriere e muraglia).
    Allo stesso indirizzo vi si trova l’importo dei lavori e la ditta aggiudicataria della gara.

  12. Ma ai progettisti come è stato dato l’incarico?

  13. ..secondo mio umile parere se fossimo amministrati da luciano casasole le cose andrebbero molto (ma moooolto) meglio!!

    3danny sono d’accordo con te..aspettiamo che i lavori siano ultimati..però.,per ora il volto della piazza è proprio brutto!

  14. caro 3danny,
    il fatto di firmare un opera d’arte significa che l’artista assume la responsabilita e il senso della sua opera.
    E un gesto dovuto per prestigio personale ma anche per dichiarare chiaramente chi é e come opera…
    Di conseguenza ci si sottomette al giudizio del pubblico , senza maschere e senza filtri.
    a questo punto, il vero artista ,non ha paura del giudizio altrui!
    E ci vuole un czzo di coraggio a metterci il proprio nome ad eternam!
    Il goo. naim che tu citi, é un opera notevole certo, ma se a parigi hanno la torre eiffel, non é detto che a fossano serva per forza il muro del pianto…
    A volte ci vuole piu coraggio a fare bene le cose semplici che scarbocchi in cielo per gli stolti.
    ciao
    gips

  15. …aspettiamo che sia finita prima di esprimere giudizi… PS comunque le innovazioni spesso sono state criticate dai suoi contemporanei per poi essere apprezzate dai posteri…

  16. io continuo a non essere d’accordo con questa cosa per cui “prima si fa poi si critica”. Stiamo parlando di cosa pubblica, mica dei gusti del mio vicino di casa sull’arredamento del suo giardino! Poi non capisco perché io non possa esprimere un giudizio sull’operato anche in corso d’opera, anche perché siamo in Italia, un paese dove il “temporaneo” diventa definitivo!

  17. ..ricordati da dove nasce la farfalla..

  18. per concludere.. i nomigli… il bigottto lo riferivo a ” risu” delle lastre di acciaio della piazza

    x gips: per capire… quindi il nuovo ponte a venezia trova tutta la tua approvazione?! è firmato, è in una grande città… ecc

    curiosità mia
    non sarebbe male fare un sondaggio per valutare come un NON fossanese valuta
    L’IMPATTO DELLA PIAZZA E L’IMPATTO DEL MOVICENTRO…

  19. caro 3danny,
    forse non mi sono spiegato bene.
    Gli artisti, se vogliamo parlare di questo, possono diventare famosi solo facendo conoscere al pubblico loro nome. Uno dei metodi é firmare le proprie opere.
    banale, vero?
    Se poi l’ opera piace, tanto meglio, senno, addio celebrità…
    Voila, il concetto e molto semplice…
    Ora, l’illuminato /ata che ha concepito questo muro del pianto con annesse le vasche da fonderia, anziche trattare con molta supponenza le molte critiche, abbia la coerenza di affiggere la sua firma sulla sua opera!
    piu chiaro di cosi
    si chiama trasparenza,
    Un ultima cosiderazione.
    se la trasparenza fosse all’origine di questo lavoro, sarebbe stato un dovere cosultare i cittadini prima, lasciando spazio alle proposte ed integrando le diverse idee per creare un insieme che fosseun incontro di idee.
    sarebbe stato piu corretto, coerente con lo scopo finale del progetto, rispettoso delle idee e dei bisogni di chi poi, una citta, la vive.
    questo non esclude che il muro di ruggine non potesse essere realizzato.
    semplicemente con un approccio diverso.
    cosi, non ci piace.
    ma é coerente con chi l’ha scelto ed approvato…
    ps, barcellona, mix di moderno ed antico.
    L amo!
    sinceramente.
    Gips

  20. Secondo me:

    1. Non basta fare un’opera “moderna” perchè questa sia giudicata un opera d’arte e se per di più è brutta un’opera d’arte incompresa ai contemporanei ma che sarà aprezzata dai posteri

    2. Non ho ancora capito come è stato dato l’incarico ai progettisti e in base a quale valutazione sono stati scelti

    3. Non ho ancora capito perchè il concorso di idee è stato fatto ma poi accantonato

    4. Mi chiedo, come molti, il senso estetico e architettonico della muraglia in ferro arruginito o meglio in corten

    5. Mi chiedo perchè da anni piazza celebrini deve essere trattata in questo modo. Era l’anticamera del centro storico ora è uno spazio triste e abbruttito. Certamente non era bella quando ci parcheggiavano le macchine ma almeno serviva a qualcosa

    6. Bisogna riprendere in mano la piazza, io proporrei di ricoprire la risu con un muro di mattoni vecchi che richiami in qualche modo un antico bastione. In questo modo si mitiga l’impatto e si raccorda la piazza con il centro storico creando un contiunum urbano. Poi proseguire dall’uscita del viale mellano con una doppia fila di alberi che idealmente continuino il viale girando intorno alla piazza e si colleghino quasi fino all’ingresso dei portici, ovviamente si fermano all’ingresso della piazza, ma il senso e quello di creare un percorso guidato che dall’uscita dei portici prosegue fino al viale. Osando si potrebbe trovare una diversa collocazione degli ascensori e delle scale del parcheggio sotterraneo in modo da togliere il cubo storto (un’altra opera d’arte incompresa) e restituire alla piazza il suo respiro. Una parte di questa potrebbe ritornare ad essere adibita a parcheggio zona blu e il rimanente pedonale e abbellita.

  21. ….per continuare ad argomentare il discorso…se per ogni attività/opera pubblica bisognasse prima ottenre l’opnione referendaria della popolazione si aggraverebbe pesantemente la nascita di ogni singolo progetto, soprattutto dal punto di vista temporale(anche se per le opere più importanti si potrebbe anche fare). Il discorso è che i cittadini votando una certa amministrazione conferiscono un mandato politco ad un organo politico (in questo caso le cariche politiche che vanno a formare la maggioranza comunale) che, di riflesso, si assume una responsabilità politica. Morale della favola, “l’amministrazione Cecu” ha toppato! ..e non mi riferisco solo al problema piazza celebrini..io votai Cecu e non lo voterò più. Un solo auspicio: LUCIANO CASASOLE NON CI LASCIARE, C’è FOSSANO DA SALVARE!!!

  22. Non è il thread per commentare l’attività in generale della nostra amministrazione anche di cose dette o da dire in merito alle tante problematiche non gestite o gestite male (teleriscaldamento, ospedale, alpiacque, spoletina, etc…) è comunque evidente che questa amministrazione rodata da anni al potere (ormai saranno più di 14 anni che c’è una giunta di csx) si stà dimostrando incapace di affrontare e risolvere i problemi. Oltretutto lascia degli aloni nelle sue azioni poco chiari. Almeno per me.
    Ritornando al fatto che i cittadini votano dando un mandato ritengo che questo non giustifichi l’assenza di partecipazione dell cittadino. In fin dei conti è la nostra città. Cosa sarebbe successo con l teleriscaldamento se non ci fosse stato un piccolo sollevamento della gente per la centrale alla balocco? I cittadini hanno pieno diritto di dire cosa pensano dell’azione pubblica, anche criticandola quando è necessaria.
    Libertà è partecipazione cantava Gaber…

  23. SABATO 1 MARZO ORE 15:00 TUTTI IN PIAZZA VITTORIO VENETO A FOSSANO, PER PROTESTARE CONTRO LO SCEMPIO RUGGINOSO! INCREDIBILE: ANCHE IL SINDACO CON NOI!

    http://www.lafedelta.it/_upimmagini/pdf/2008-02-26.pdf

  24. mah??? nn ci capisco più un tubo..

  25. Questa del sindaco che protesta contro se stesso la voglio proprio vedere…

  26. CHIARIMENTO!!!!:

    LEGGENDO LA LETTERA DI BALOCCO SI VEDE CHE SARà PRESENTE PER CHIARIRE OGNI DUBBIO RIGUARDO L’OPERA e non per protestare!!!!!, per fortuna.

    Apprezzo i toni e le argomentazioni portate! Bravo cecu!

  27. E’ vero il sindaco scende in piazza ad argomentare e difendere la piazza. La linea di difesa è sempre quella aspettate che sia finita per giudicare. Ok, và bene, ma mentre aspettiamo possiamo pubblicare i disegni sulla fedeltà? esistono dei rendering che ci mostrano come sarà la piazza finita? E perchè non si sarebbe potuto organizzare allora un incontro magari al castello? E se poi quand’è finita non bastano un pò di vere e fiori e il muro d’acqua sulla risu a rendere migliore l’opera che si fà?

    E’ un delitto criticare l’operato e le scelte del comune? Non si può partecipare alle scelte pubbliche magari dicendo “guardate che quello che state facendo non và bene, provate a cambiare…”

  28. ciao,
    leggo la difesa di Balocco e penso:
    – l ‘argomentazione della scelta dei progettisti e quantomeno vaga. Pregerei il sindaco di fornire dettagli, dati, date etc..trasparenza amministrativa…E possibile? o no…
    – con quale criterio devo stabilire se un progetto e bello: dai disegni progettuali!
    Perche l’ opera dovrebbe essere piu bella dal vero che sul progetto?!
    Ci vuole azzardo…o altro…!
    e poi ,questi paternalismi tipo: aspettate e vedrete, lasciate fare a chi ne capisce, non avete la cultura per l arte moderna etc etc…
    quale poverta di argomenti per giustificare al “volgo” le scelte di una politica povera in argomenti ma ricca di arrangiamenti…
    per fortuna non siamo tutti arrugginiti nel cervello!
    fine
    gips

  29. Concordo con te Gips. Poi questa amministrazione di spunti ne offre molti.

    L’offerta per il progetto è stata indetta in modo “ufficiosa”… E che vuol dire ufficiosa? Già il termine mi dà una senzazione di assenza di trasparenza. Se fai una gara falla “ufficiale”.

    Lasciamo poi perdere quella per il teleriscaldamento già ampiamente discussa, ma leggendo la fedeltà ho visto che il comune aveva dato il rilevamento della numerazione civica a una ditta. Ne aveva invitate 5 se ne è presentata una. Con un ribasso irrisorio. Chissà come mai?

  30. Siamo piccoli. Ma quanto siamo piccoli.
    Discutiamo, ci “confrontiamo”, ci scontriamo sulla piazza della “risu”.
    Siamo ridicoli.
    Siamo quelli che sabato andremo a fare un sit-in silenzioso per dimostrare il nostro dissenso, per celebrare la democrazia…
    E dove parcheggieremo: nella piazza davanti ai battuti rossi o nella piazzatta Beppe Manfredi!
    Non nel parcheggio sotterraneo: è sporco, puzza e poi…è pieno di extracomunitari!
    Oppure andremo con il cane mentre lo passeggiamo (ma senza raccoglierne le deiezioni)…
    O magari non andremo alla manifestazione perché è meglio andare fare due vasche a Cuneo o Alba: quelle si che sono città vivibili…vedessi che bei negozi e che belle vetrine.
    E’ facile criticare l’amministrazione, criticare il lavoro degli altri e non impegnarsi personalmente nelle cose che veramente contribuiscono a crere una città ideale.
    Fioriere di qui, fioriere di là, corten di qua, risu di là e nessuno che si è lamentato che il numero di parcheggi sulla superficie della piazza è aumentato: e poi non usiamo il parcheggio sotterraneo. Tutti contro la centrale da Balocco, ma quando è stato dato il permesso a Balocco di ingrandirsi dove eravamo? Credo che l’inquinamento di tutti i camion che transitano per lo stabilimento sia infinitamente superiore all’inquinamento della centrale e oltretutto senza provocare un beneficio.
    Siamo ipocriti: ci nascondiamo dietro una piazza per non schierarsi apertamente contro l’amministrazione, siamo strumentalizzati da chi ha interessi superiori e crediamo di esercitare la democrazia. Sabato non fermiamoci sulla piazza, ma percorriamo il viale Mellano, andiamo al villaggio sportivo, guardiamo la nostra città con occhio positivo.
    Il brutto è nella nostra mente.

    P.s.: mi pare che non si conosca il mittente originario della e-mail (che grazie a dio non ho ricevuto)… e se poi in piazza troviamo chi vuole venderci le pentole e rilasciarci un simpatico omaggio?
    A proposito, perche non invitare il gabibbo?

  31. E’ facile criticare l’amministrazione, criticare il lavoro degli altri e non impegnarsi personalmente nelle cose che veramente contribuiscono a crere una città ideale.
    La politica è discutere, criticare e proporre. Aprire uno spazio in cui parlare di queste cose è migliorare la situazione, o no?
    TUTTI CONTRO LA CENTRALE BALOCCO?
    Ma se non ne parlava nessuno!?!
    quando è stato dato il permesso a Balocco di ingrandirsi dove eravamo? Noi ancora non eistevamo, chiediti piuttosto dove erano i “giornalisti”!
    Credo che l’inquinamento di tutti i camion che transitano per lo stabilimento sia infinitamente superiore all’inquinamento della centrale e oltretutto senza provocare un beneficio. Fai parte dell’amministrazione visto i conti a spanne?
    Siamo ipocriti: ci nascondiamo dietro una piazza per non schierarsi apertamente contro l’amministrazione, siamo strumentalizzati da chi ha interessi superiori e crediamo di esercitare la democrazia Bah. Leggiti i post. Poi torna qui a dire che non abbiamo mai parlato bene di Balocco o che non critichiamo apertamente l’amministrazione. Ma tu alla riunione per la centrale Balocco c’eri? Poi quali interessi superiori? Credi che qui si faccia il gioco di Mana? Quello che sulla centrale s’è svegliato ben DOPO di noi facendo finta di essere il primo? O degli altri dell’opposizione che invece hanno ACCETTATO supinamente per motivazioni che noi IGNORIAMO?

  32. Siamo ipocriti: ci nascondiamo dietro una piazza per non schierarsi apertamente contro l’amministrazione, siamo strumentalizzati da chi ha interessi superiori e crediamo di esercitare la democrazia: So che questa risposta potrebbe far arrabbiare però l’argomento del post è la piazza. Da qui certo si può partire a discutere e esprimere critiche e opinioni sull’intera amministrazione pubblica ma non vorrei poi che il discorso finisse per parlare di tutto e non dire niente. Piuttosto, bobolord, visto che gli argomenti di discussione non mancano e se credi che quest’area possa servire a qualcosa (anche se siamo piccoli) proponi altri post, ognuno su uno degli argomenti che hai toccato. Cosi almeno manteniamo un po le fila dei discorsi e concentriamo le idee. In ogni caso non è obiettivo del post schierarsi apertamente pro o contro l’amministrazione ma solo portare una voce in più sull’argomento e accoglierne le risposte.

  33. mi pare che non si conosca il mittente originario della e-mail (che grazie a dio non ho ricevuto)…
    La butto lì: io non ho ricevuto e-mail, nè so di altri che l’hanno vista. L’unico che ne parla è un giornale che evidentemente non l’ha ricevuta. Secondo me è una leggenda metropolitana. Se invece l’avete ricevuta fatecela avere, che la si pubblica. Grazie!

  34. “E’ facile criticare l’amministrazione, criticare il lavoro degli altri e non impegnarsi personalmente nelle cose che veramente contribuiscono a crere una città ideale.”

    Sacrosanta affermazione! ma al momento l’Amministrazione e quella che è (democraticamente eletta dai cittadini, ai quali compete almeno il diritto di critica) e da fuori – credimi – non si puo’ fare molto. Ma Tu ti sei mai chiesto quale sia il progetto di città che questa amministrazione persegue ? Non si intravede proprio !! A peggiorare le cose un’opposizione sterile che si incancrenisce solo su cavilli legali che ben pochi capiscono, ma progetti zero !!!

  35. Passando nei pressi della piazza ho visto che stavano provando la cascatella d’acqua dal muro corten. Probabilmente per mostrarla oggi. Forse quello che ho visto non era ancora finito però non è che la mia percezione dell’opera sia migliorata.

  36. per piko: eccoti la famosa mail

    In considerazione del successo insperato che l’iniziativa sta avendo, grazie all’attenzione che i mezzi di comunicazione hanno riservato all’evento con tanto di articoli su Stampa e Fedeltà, rinnoviamo l’invito per tutti i fossanesi a radunarsi

    IN PIAZZA VITTORIO VENETO, SABATO 1 MARZO ALLE 15:00

    per una “riunione di condominio” in cui esporre silenziosamente le ragioni del nostro disaccordo con la nostra semplice presenza in piazza. In fondo le piazze servono a questo: uscire dalle nostre case, incontrarci, ricordarci che viviamo insieme.

    Se sei in accordo con le ragioni che stanno alla base dell’appello: copia, incolla e invia a chiunque possa essere interessato. Se non t’interessa, cestinalo.

  37. @Cornelio: Grazie. Non mi sono ancora tolto l’idea che sia un fake: “In considerazione del successo insperato che l’iniziativa sta avendo” di quale iniziativa si parla? Poi vorrei far presente che La Stampa e La Fedeltà condividono gli articoli! Infatti spesso il testo è identico, essendo frutto dello stesso autore!

    Comunque risalire all’origine di una mail non è complicato se ci si è limitati ad un FORWARD.
    Puoi mandare la tua mail a gruppo.acaja @ gmail.com?
    Grazie ancora.

  38. Che si dice nel day after ? Nessun commento alla manifestazione di Piazza della “risu”? Forse che le motivazioni di Balocco e il veloce avanzamento dei lavori hanno convinto tutti che non sia poi così brutta ?
    Avanti ragazzi ! dite la vostra !

  39. Due articoli de La Fedeltà:
    1 e 2
    Io l’acqua in azione ancora non l’ho vista, per cui non mi pronuncio. Penso solo che il giudizio espresso da Casasole sull’impianto scenico sia quello che tutti noi volevamo dire, senza averne i mezzi linguistici e per questo limitandoci alla sola “risu”. Questo valeva allora quanto oggi.
    Penso anche che continuare a sottolineare la rassegnazione dei Fossanesi al Cubo come fosse rivalutazione sia il solito vecchio modo di porre le questioni a proprio favore sfruttando il silenzio come assenso.

  40. A me continua a non piacere. Mi associo al pensiero di casasole.
    Il problema è che tanto non contiamo niente. Tutto è già deciso.
    Peccato che la città venga amministrata come se fosse un’azienda personale e non di tutti.

  41. LUCIANO CASASOLE 4 PRESIDENT
    LUCIANO CASASOLE 4 PRESIDENT
    LUCIANO CASASOLE 4 PRESIDENT

  42. Piero,
    usa Votate.netsons.org , che ne dici ?
    ;)

  43. dico: CASASOLE!!

  44. Non comprendo la censura operata dalla Fedeltà riguardo la civile manifestazione di protesta realizzata da Casasole. Ne ha parlato pure La Stampa fra le pagine delle notizie locali e non la fedeltà, chissà come mai..

  45. il casasole, peccato che siano pochi a capirlo…

  46. casasole…..ti amooooooooooooooooooooooooo

  47. basta con questo casasole,la piazza va bene così!

  48. Se vogliamo parlare di schifezze a Fossano…io non parlerei tanto di sta piazza…che a me non dispiace neppure…Ma parlerei dell’ampiamento della stazione (e complimenti per la scelta cromatica)…Orrenda…
    E poi vabbè delle strade….

  49. casasole sperimenta le nuove tecnologie vicino alla sua costa preferita…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...