L’unione fa il solare

No, non si parla dell’Unione del Fossanese. O perlomeno, non ancora, infatti anche  se auspicabile, i nostri enti locali restano, purtroppo, distanti da queste tematiche politiche, forse “troppo di alto livello” e, a torto, sentite troppo lontane dalle esigenze locali. Parliamo invece di Retenergie, cooperativa nata il 19 dicembre 2008 proprio a Fossano per iniziativa di un gruppo di persone impegnate nel campo delle autoproduzioni di energia da fonti rinnovabili.

L’idea alla base di questa “cooperativa elettrica di produttori e utilizzatori di energia da fonti rinnovabili” consiste nel creare una struttura che permetta la costruzione di impianti di produzione di energia attraverso l’azionariato popolare:  un allargamento dell’esperienza “Adotta un kw” promossa dall’Associazione Solare Collettivo Onlus , culminata lo scorso anno nella costruzione di un impianto fotovoltaico da 20 Kw presso Mondovì, e con in cantiere un secondo impianto proprio a Fossano.

Il piano si articola in una molteplicità di ambiti di intervento. Il poter disporre di vari impianti di produzione, sia per taglia che per tipologia che per collocazione geografica, diluisce infatti i rischi derivanti da una produzione accentrata e uniforme, accentuando viceversa le positività di ogni singolo elemento produttivo.

Alla luce delle esperienze maturate e dei contatti finora intercorsi “Retenergia” ha identificato quattro tipologie di impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili:

  1. Fotovoltaico,
  2. Idroelettrico;
  3. Eolico;
  4. Cogenerazione e biomasse.

La sfida progettuale riguarda la possibilità di includere gli utilizzatori finali di energia in questo quadro, chiudendo così un circolo virtuoso che parte dalla produzione arrivando fino al consumo. I promotori la ritengono un’opportunità economica dalla forte connotazione ideale per chi è attento a problemi ambientali e sociali quali inquinamento, limitatezza delle risorse ed equità nella loro distribuzione.

La forma scelta è la cooperativa perché, sostengono i rappresentanti di “Retenergia”, «gli obiettivi devono essere coerenti con i mezzi utilizzati per raggiungerli: partecipazione, autogestione, solidarietà».

«Sono benvenute proposte e critiche, per condividere il cammino: infatti la cooperativa è un’impresa che si costruisce insieme strada facendo».

«Non si costruisce un futuro più sostenibile senza un processo democratico. Il percorso che si vuole attuare è un percorso di democratizzazione energetica, dove ognuno può partecipare come produttore e/o utilizzatore del bene comune energia».

Un intento meritorio, al punto da attirare l’attenzione anche di organi di stampa di rilevanza nazionale, come Report, che dedicherà parte della sua trasmissione, domenica 29 Marzo, proprio a questa iniziativa.

Democrazia energetica, volano di sviluppo, sensibilizzazione dell’utente, del cittadino, al tema del risparmio energetico: come non essere d’accordo. E ancor di più con la considerazione finale: Retenergie non ritiene gli inceneritori di rifiuti una fonte rinnovabile di energia pulita.

[ip]

Annunci

25 risposte a “L’unione fa il solare

  1. vorre diventare socio e investire sulla vostre idee

  2. stasera(29.03.09) ho visto report dove hanno parlato di questa splendida iniziativa, mi sono subito dato da fare a ricercarvi in internet, mi piacerebbe saperne di più. Vi faccio i miei migliori auguri e in bocca al lupo per la riuscita della vostra iniziativa. Vincenzo, Bari.

  3. Sono un pugliese (Bari) e ho a disposizione il tetto del mio capannone adatto per istallare di pannelli fotovoltaici. Intendo metterlo ha disposizione dell’iniziativa annunciata su REPORTER; gradirei ricevere ulteriori informazioni. Congratulazioni per la brillante inizziativa

  4. per ora aderisco all’idea potenziale. Quando avr capito cosa si potr fare dar il mio contributo.
    Bisogna comunque partire il pi presto possibile.

  5. Ho avuto notizia della vs.iniziativa proprio guardando Report e mi congratulo con voi. Già qualche anno fa ero intenzionato ad installare pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, ma siccome ho un consumo molto basso circa 1,2 kwh anno, mi è stato detto che non esiste in commercio un “inverter” da 1 kwh e perciò non ho fatto niente.
    Tuttavia mi piacerebbe sapere se ciò risponde a verità,grazie e ancora complimenti.
    Pagnani Claudio-Ravenna

  6. Sono molto interessata alla vostra magnifica iniziativa. Per ora appoggio idealmente finchè non capisco bene cosa posso fare. Sono convinte che bisogna partire il più presto possibile per evitare le follie nucleari pericolose ed inutili. Ringrazio di cuore l’ideatore di questa iniziativa!!!

  7. Vivo in campagna appena fuori Asti, ho una 50 di mq di tetto esposto perfettamente a Sud, potrebbe essere utile per un progetto insieme?
    Complimenti per l’iniziativa…. e per la trasmissione

  8. Vorrei sapere ,come diventare socio e ho a disposizione sia il tetto di casa che 500 m/q di
    terreno.
    Finalmente un’iniziativa utile
    complimenti

  9. Renata Adotti - Artegna (UD)

    Confido nella diffusione capillare delle iniziative che vi proponete, per poter allontanare lo spauracchio del nucleare che di nuovo si prospetta all’orizzonte. Insieme si può tanto e se la maggioranza silenziosa si fa finalmente sentire, possiamo ancora sperare in un futuro migliore. Complimenti e grazie.

  10. Ho visto la Vs. iniziativa su Report e vorrei capire bene come funziona. Potreste mandarmi qualche informazione?
    Grazie

  11. grazie a report per le informazioni date su fotovoltaico,questa credo sia l’energia che in questo momento ci serve,anche se il costo è tuttaltro che abbordabile
    se fosse possibile vorrei ulteriori info
    grazie

  12. ho visto report e vi ho cercati. chi è lontano può partecipare come produttore? può essere interessante.

  13. ho visto report ieri sera, e mi ha colpito molto questa iniziativa (premetto che pure io ho adottato, nel mio piccolo, come fonte di energia per il riscaldamento il sole, con pannelli solari; il fotovoltaico non è ancora alla mia portata\conveniente purtroppo). Io possiedo sia del terreno che una superficie di copertura interessante; abito nella provincia di Treviso, chi potrei contattare per sapere di più in merito alla vostra iniziativa? grazie mille per il vostro interesse.

  14. Ho visto anche io Report ieri sera, e come tanti altri mi piacerebbe saperne qualche cosa di più. Aspetto una vostra risposta. Abito a Roccabruna(CN) Grazie . Complimenti siete grandi!

  15. Ho visto Report di domenica 29 marzo . Oltre i complimenti per quello che avete iniziato a fare
    vorrei avere maggiori informazioni e come partecipare concretamente .
    Abito a cuneo in un condominio che gode un’ottima posizione per pannelli solari .

  16. Bravi ! Stupenda iniziativa. Condivido tutto e plaudo per lo spirito con il quale è stata concretizzata l’inziativa.

  17. Da retenergie.it:

    Risponderemo il prima possibile alle tante mail che abbiamo ricevuto, grazie intanto dell’interesse, vi chiediamo solo di avere un po’ di pazienza per aver modo di leggerle tutte!!!

  18. Buongiorno.
    Complimenti per l’iniziativa trasmessa su Report.
    Siccome nel mio condominio nessuno è disponibile ad installare pannelli e io non ho terreni vorrei sapere quanto costerebbe adottare un KW e il tempo di ritorno nell’investimento. Grazie.

  19. Non ne potevo più di sentirmi im balia di pochi a cui non interessa niente di me e dei miei interessi. Vi prego, FATE LA DIFFERENZA!
    Continuate con questo progetto e aiutateci a espanderlo! Grazie.

  20. Alla cooperativa Retenergia, ho un amico che ha circa 45 ettari di terreno poco coltivabile perchè è vicino al mare e quindi sabbioso. Visto che è incolto e visto che anch’egli è vicino a quest’argomento, spero che si possa fare qualcosa per impiantarvi fotovoltaico o altro. Tra l’altro il terreno è in provincia di Taranto quindi ha anche un buon irraggiamento solare. Cordiali Saluti e a presto.

  21. Vorrei avere la possibilità di parlare con uno dei votri amministratori.

  22. Abbiamo 15MW da cedere , vi preghiamo di contattarci quanto prima.

  23. Salve, ho a disposizione un terreno (Sardegna) ma prima vorrei capire meglio come funziona.

    Grazie e complimenti per l’iniziativa

  24. Sono un pugliese (Taranto) e ho a disposizione il tetto della mia casa, esposta prevalentemente a sud e quindi adatto per installare pannelli fotovoltaici. Intendo metterlo ha disposizione della vs iniziativa; gradirei ricevere ulteriori informazioni. Congratulazioni !!

  25. Pingback: …e il quattro vien da se! « Gruppo Acaja

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...